enesitru

Il Conservatorio di Musica Luigi Cherubini

Il Quintetto Mediceo di Antonio Stradivari

Per gli amanti della musica la Galleria dell’Accademia riserba una sorpresa, dato che tutti conoscono il museo per il David di Michelangelo ma pochi sanno che qui sono conservati tre importantissimi strumenti musicali dell’altrettanto celebre Antonio Stradivari, il liutaio cremonese che visse fra il 1645 e il 1737.

Si tratta di un violino, datato 1716, e di due pezzi, dei quattro esistenti al mondo, del famoso Quintetto Mediceo.

Salta la fila, acquista biglietti »

Nel 1690 Stradivari fu incaricato dal nobiluomo cremonese Bartolomeo Ariberti di costruire due violini, due viole e un violoncello (i 5 strumenti tradizionali dell’orchestra da camera) da donare al figlio del granduca Cosimo III dei Medici, il gran principe Ferdinando, molto appassionato di musica ed egli stesso virtuoso suonatore di clavicembalo. Oggi all’Accademia restano il violoncello e la bellissima viola tenore, entrambi decorati con l’arme medicea; la viola contralto è conservata alla Library of Congress di Washington e uno dei due violini all’Accademia di Santa Cecilia a Roma (l’altro violino è disperso).

viola-stradivari

Invenzione del Pianoforte a Firenze

Un’altra sala è dedicata all’invenzione del pianoforte, che venne per la prima volta costruito a Firenze, presso la corte medicea, attorno al 1720 dal liutaio Bartolomeo Cristofori (1655-1732), modificando il meccanismo del clavicembalo a corde pizzicate con quello della percussione delle corde.

Acquista biglietti »

piano